Sports & News Broadcast

La stagione dello sci in TV e la Season Final della Coppa del Mondo di Sci Alpino 2023

EMGSoldeuAndorraSkiSi è conclusa la stagione invernale delle gare di sci, con l’assegnazione delle coppe per specialità a Soldeu. I cinque giorni di competizioni sul Plic de l'Aliga e sull'Avet, nella stupenda località di Andorra, hanno fatto da sfondo alle ultime gare sulla neve, svolte tra il 15 e il 19 marzo 2023.

Lo sci alpino chiude l’anno delle gare sciistiche e delle produzioni televisive”, dice Davide Furlan Outdoor Production Director di EMG Italy, il service incaricato della produzione televisiva da Infront, detentore dei diritti della Coppa del Mondo di Sci Alpino.

Non è stato un anno semplice, complici le condizioni atmosferiche, con un clima secco e avaro di precipitazioni, ma, ancor più, con temperature troppo elevate per l’innevamento e soprattutto per il mantenimento della neve ghiacciata. 

Queste sono, infatti, le prerogative che una pista di Coppa del Mondo deve poter garantite a tutti gli atleti partecipanti, ossia le medesime condizioni di gara.

Molte sono state le defezioni da parte di alcuni comitati organizzatori di gare di skicross e snowboard. L’incertezza del meteo che ha obbligato alla cancellazione dell’evento ha fatto “sedere i comitati sulla sedia della prudenza”. 

È stata una scelta necessaria -è il caso di dirlo - per non vedere sciogliersi come neve al sole tutti gli sforzi economici investiti per il necessario ritorno d’immagine, vero propellente per il motore del turismo invernale delle località organizzatrici.

 

EMGevsIl calendario produttivo per numeri

Il calendario produttivo delle gare di sci di EMG Italy quest’anno ha contato 27 eventi di Coppa del Mondo, sci alpino, sci nordico, combinata nordica, skicross e snowboard nelle più suggestive e impegnative piste delle alpi italiane e francesi.

Tutte le unità mobili di produzione televisiva sono state impegnate nelle varie competizioni, complice anche un “fermo campionato di calcio” innescato dai mondiali del Qatar. 

Le unità ob-truck NOVA 103, NOVA 126, NOVA 128, NOVA 150 e Orion 209 hanno letteralmente disseminato di telecamere le numerose piste delle diverse discipline.

Per dare una connotazione dell’impegno affrontato qui di seguito alcuni numeri che sintetizzano il lavoro delle squadre EMG nei mesi di dicembre, gennaio, febbraio e le finali di marzo. 

  • Circa 100 giorni di produzione

  • 12 eventi di sci Alpino

  • 4 eventi di sci Nordico e Combinata nordica

  • 11 eventi di freestyle e snowboard

  • Oltre 400 telecamere trasportate e installate sulle piste

  • Oltre 140 chilometri di fibre ottiche stese

  • 1080 uomini e donne coinvolti

  • Circa 5.400 giornate di lavoro retribuito

 

EMGskiAudioL’esperienza: in pista non si improvvisa

L’esperienza di 15 anni di produzioni di Coppa del Mondo delle squadre tecniche, riprende Furlan, “della Produzione e del dipartimento di Booking, permettono di affrontare in maniera strutturata e coordinata questo periodo di forte produttività. 

Ogni singolo ruolo è coperto grazie alle squadre di dipendenti interni e soprattutto di free-lance specializzati, che vengono selezionati e ingaggiati dagli esperti producers di EMG.

EMG ha sempre spinto per la sicurezza nell’ambiente di lavoro, e ha trovato in Infront un cliente molto attento e sensibile su questo argomento. 

Negli anni il lavoro di sensibilizzazione verso i comitati organizzatori ha portato a notevoli risultati in termini di sicurezza delle infrastrutture in pista. 

Possiamo dire che oggi lo standard raggiunto di cui andare fieri corrisponde a un elevato livello di consapevolezza da parte dei lavoratori, raggiunto grazie a corsi di formazione organizzati da EMG e quelli auto-gestiti dai singoli professionisti: chi vuole far parte di queste squadre altamente specializzate è consapevole che non può improvvisarsi cameraman o tecnico in pista; sono necessarie certificazioni per lavori in quota e DPI adeguati”.

 

EMGskiMainGalleryA livello di narrazione

La produzione televisiva dello sci di quest’anno ha visto l’inserimento di alcuni aspetti tecnologici innovativi per esaltare la narrazione e altri sono stati confermati dopo le esperienze dell’anno passato. 

Forse il più evidente è stato l’utilizzo del Drone FPV che è stato impegnato su diverse discipline di sci Alpino, di ski-cross e snowboard-cross: 

Si tratta di un drone DJI (il modello varia) con visione POV impiegato dall’operatore che ha conseguito certificazioni acrobatiche. 

Il sistema di trasmissione impiegato era basato sulle microonde, in banda 2.4/2.5 per il segnale video e in banda 5.7/5.8 per i comandi. 

Questo tipo di ripresa ha permesso - praticamente - di portare lo spettatore direttamente in pista facendolo scendere con gli atleti, e dando, così, al telespettatore il posto che hanno i gamer quando manovrano i joystick dei controller in un videogioco: il risultato è stato sicuramente di grande effetto empatico e innovativo per il punto di vista.

Altre novità produttive sono state gli inserimenti di numerose camere HFR lungo le piste, utili per rivedere in modo rallentato le acrobazie degli atleti che sfrecciano tagliando il ghiaccio di pendii mozzafiato. 

Il replay di una camera HFR per lo spettatore è decisamente esaltante ed è decisamente funzionale per il lato marketing, dove tutti i loghi restano in onda molti secondi.

 

AndorraIn diretta dalle piste

Flavio Baggio, Producer e Technical set-up coordinator di pista di EMG Italy, racconta:

Quest’anno abbiamo fatto un ottimo lavoro in ogni produzione, anche se le difficoltà, come sempre, non sono mancate. 

L’ambiente in cui ci siamo mossi e nel quale abbiamo lavorato, con tecniche basate su circuiti elettronici complessi, ha delle specificità uniche. 

Nello sci, prima di tutto, il pericolo è il freddo; ma, per assurdo, anche il caldo, o il vento e la nebbia, sono condizioni dannose e in continuo cambiamento. 

Sapersi adattare costantemente e saper reagire subito sono condizioni indispensabili per poter garantire il buon funzionamento di tutte l’elettronica allestita lungo le piste. 

SoldeuEMG2023Gli uomini che lavorano con EMG Italy sono esperti di montagna, hanno grande esperienza, spirito di adattamento e di sacrificio: senza di loro ogni produzione sarebbe impossibile da realizzare.

Siamo passati attraverso forti e abbondanti nevicate che hanno ricoperto tutte le tratte in fibra. 

Il vento molto forte avrebbe potuto abbattere strutture e trabattelli ancorati. 

E poi, le alte temperature hanno sciolto la neve e trasformato in fiumi quei canali dove passavano i cavi camera. 

Solo grazie alla lungimiranza dell’esperienza siamo riusciti sempre ad andare in onda correttamente, senza alcuna carenza o sbavatura tecnica: devo dire grazie alle mie squadre, veri professionisti”.

 

Nova126Soldeu, Season Final della Coppa del Mondo

Per quanto riguarda Soldeu, tappa finale della Coppa del Mondo di Alpino, due mezzi XXL sono stati utilizzati per la produzione di tutte le discipline dell’Alpino, la DH, IL SG, lo SG, lo SL e la Mix Team Parallel Event.

L’OB van NOVA 126 è stato utilizzato per il workflow delle discipline veloci, con 28 telecamere, 5 EVS XT3 ChannelMAX.

La crew era composta da 52 tecnici, insieme alla squadra di Infront, capitanata da Daniela Calandra, Head of Winter Sports di Infront Productions Italy

Questo grande evento e l’intero set-up della pista de El Tarter di Soldeu è stato progettato dalla crew tecnica e di produzione di EMG Italy. 

L’impianto doveva tenere conto del quotidiano cambio di configurazione tra la gara maschile della prima parte della mattina e la gara femminile della seconda. 

Il cambio di configurazione ha obbligato a nuovi posizionamenti di telecamere per riprendere la partenza, in un altro punto, e differenti posizioni delle telecamere nella prima parte di gara.

EMGskiVanIl lavoro di cambio configurazione, che è stato fatto per tutte le discipline tra le gare maschili e quelle femminili, è stato un grande impegno di professionisti e risorse ed ha coinvolto tutti gli uomini di pista, con spostamenti camera e doppi/tripli cablaggi.

Sulla pista di Grandvalira di Soldeu invece abbiamo prodotto le riprese delle discipline tecniche, lo slalom gigante, lo speciale e la team parallel. 

Qui abbiamo posizionato 26 telecamere lungo la pista e anche qui il cambio di configurazione avveniva 4 volte al giorno, con circa 15 minuti disponibili tra una gara e l’altra.

É stato un impegno immenso che, senza un preciso coordinamento, non avrebbe mai funzionato.

L’evento di Soldeu ha coinvolto in totale 64 tecnici con due OB van di grandi dimensioni, 15 giorni di produzione su due piste diverse e distanti tra loro circa 4 km.

###

©2023 EMG Italy - Presspool PressOffice RobertoLandini 

 

Related Articles

Ultimissime di Tutte le Categorie

We strive for accuracy and fairness. If you see something not feeling right please let us know

Siamo molto sensibili ai cookie. We don't track, we don't trace, we don't advertise, and we don't try to get on your nerves. Ma il webmaster dice che per ragioni tecniche ci vuole un cookie per sessione; e l'avvocato dice che per ragioni legali dobbiamo sottolinearlo. Quindi per proseguire è meglio se clickate sul pulsante a destra >>>