Tecnologie Innovative

SMPTE, MovieLabs e EBU pubblicano "Media in the Cloud: Ontology and Semantic Web Technology Navigation Guide"

SMPTEmediaInTheCloudL’ SMPTE®, sede di professionisti dei media, tecnici e ingegneri, ha collaborato con la European Broadcasting Union (EBU) e i Motion Pictures Laboratories Inc. (MovieLabs), una joint venture tecnologica di i maggiori studi di Hollywood, per pubblicare "Media in the Cloud: Ontology and Semantic Web Technology Navigation Guide". 


La nuova guida, disponibile gratuitamente sul sito Web SMPTE, è un'introduzione all'uso di ontologie e altre tecnologie web semantiche all'interno di un panorama multimediale moderno caratterizzato dallo spostamento dei flussi di lavoro nel cloud.

 

"Il passaggio dei flussi di lavoro multimediali al cloud, un ecosistema sempre più basato sui dati, offre molti vantaggi, tra cui maggiore automazione, agilità e scalabilità. Ma per realizzarli, le organizzazioni devono affrontare con successo le sfide relative all'interoperabilità del flusso di lavoro, alla portabilità dei dati e la gestione di insiemi complessi di risorse", ha dichiarato Jim Helman, CTO di MovieLabs. "Le ontologie dei media forniscono il quadro di conoscenza essenziale per affrontare queste sfide".

 

La guida spiega le ontologie dei media in termini semplici, fornisce un'utile discussione sulla mappatura dei dati tra diversi sistemi informativi e offre esempi pratici di come le organizzazioni dei media utilizzano le tecnologie del web semantico per portare maggiore efficienza ai flussi di lavoro del mondo reale.

 

La comprensione e la gestione delle complesse relazioni tra tutti gli elementi del ciclo di vita dei contenuti, dagli script alle risorse, alle attività eseguite nei flussi di lavoro multimediali, richiedono metadati più ricchi. Un'ontologia fornisce un framework necessario per supportare, tra le altre funzioni, l'integrazione di applicazioni e servizi, la gestione di risorse e contenuti e la ricerca e la scoperta.

 

"I metadati e la semantica coerenti e interoperabili sono fondamentali per collegare i set di dati lungo la catena del valore, gestire i flussi di lavoro distribuiti e integrare le applicazioni. Sono anche cruciali per la gestione dei contenuti, la ricerca e la scoperta", ha affermato Hans Hoffmann, responsabile dei fondamenti dei media e della tecnologia di produzione presso EBU Tecnologia e Innovazione. "Questa guida alla navigazione è il risultato di una grande collaborazione tra EBU, SMPTE e MovieLabs, tre attori chiave in questo campo, e aiuterà notevolmente l'industria dei media nella sua trasformazione in un ecosistema basato sui dati".

 

Riconoscendo la necessità di una maggiore consapevolezza su questo argomento, MovieLabs, EBU e SMPTE hanno collaborato per fornire all'industria una spiegazione delle ontologie specifiche dei media, delle ontologie già esistenti, dove sono applicabili e come implementarle. Il documento risultante presenta alle organizzazioni dei media un punto di partenza per il passaggio al cloud e verso implementazioni basate su microservizi che integrano le tecnologie semantiche.

 

"SMPTE ha svolto un ruolo significativo nel migliorare l'interoperabilità dei metadati e consideriamo la nostra partecipazione a questo lavoro sull'ontologia come un'estensione di quel lavoro", ha affermato David Grindle, direttore esecutivo di SMPTE. "La guida alla navigazione è una preziosa introduzione all'attuale panorama dell'ontologia dei media, all'applicazione delle tecnologie semantiche e ai casi d'uso specifici che ne traggono vantaggio. Per molte organizzazioni, questa sarà una conoscenza fondamentale fondamentale poiché sfruttano sempre più i dati e il cloud per supportare i loro flussi di lavoro multimediali."

 

INFO: smpte.org

Related Articles

Ultimissime di Tutte le Categorie

We strive for accuracy and fairness. If you see something not feeling right please let us know

Siamo molto sensibili ai cookie. We don't track, we don't trace, we don't advertise, and we don't try to get on your nerves. Ma il webmaster dice che per ragioni tecniche ci vuole un cookie per sessione; e l'avvocato dice che per ragioni legali dobbiamo sottolinearlo. Quindi per proseguire è meglio se clickate sul pulsante a destra >>>