Produzione - REMI

ICVR e il cortometraggio "Away" mostra il vasto potenziale dell’XR

ICVRAwaydal blog di ICVR, DI ELENA VEGA: Gli strumenti pionieristici del game engine di ICVR lanciano mondi di possibilità, nel cinema e oltre.
Immagina di girare in luoghi diversi senza mai lasciare lo studio e in una frazione del tempo normale. 


Immagina di creare interi mondi sul set che appaiano esattamente come li immagini, senza costruire fisicamente ogni componente. 
Ora esci dalla tua immaginazione ed entra nella realtà del creatore di contenuti interattivi ICVR.
ICVR ha utilizzato i suoi nuovi strumenti XR (realtà estesa) per creare il pluripremiato film di quattro minuti "Away" in un giorno in un unico studio. 
Ecco come il team, tra cui Gro Creative (produzione sul set) ed ETC (attrezzatura di produzione), è riuscito a farcela.

XR STAGES: AMBIENTI COMPLETI 3D

La combinazione di elementi fisici e virtuali su un set cinematografico non è una novità, ovviamente. 
Gli schermi verdi e i software di editing consentono a chiunque disponga di un computer di realizzare la magia dei film in questi giorni. Ma le fasi XR vanno ben oltre uno schermo che scorre sullo sfondo. 
"Uno dei più grandi malintesi su XR è la confusione tra le riprese di ambienti virtuali 3D su una parete LED rispetto a lastre piatte", afferma Chris Swiatek, produttore di produzione virtuale e cofondatore di ICVR. “Queste non sono lastre piatte che vengono riprese e catturate nella fotocamera. Questi sono ambienti 3D completi.”
L'arte incontra la tecnologia in questi ambienti 3D, chiamati anche volumi LED. 
Il risultato: scene fotorealistiche senza la necessità di creare fisicamente tutti gli elementi o aggiungere estesi VFX (effetti visivi) in postproduzione. 
E gli strumenti di ICVR, utilizzando la piattaforma di creazione 3D open source di Epic Games Unreal Engine, consentono un livello di dettaglio mai prima possibile. 
La tecnica è ancora agli albori, ma mostra un immenso potenziale per innumerevoli applicazioni oltre il cinema.

IL PROCESSO

PREPRODUZIONE

Il team di "Away" ha ribaltato la tradizionale sceneggiatura cinematografica, iniziando con ambienti virtuali e costruendo la narrazione per adattarli. "Lo sviluppo dei contenuti inizia con la visione creativa", afferma Swiatek. “Che cosa sarà esattamente questo ambiente e come sarà? A cosa servirà?" L'ambientazione post-apocalittica del film ha portato a due ambienti virtuali: una grande foresta con terreni variabili e una città cyberpunk a più livelli.

Successivo: creazione di risorse 3D per riempire gli ambienti, nonché estrazione da librerie di risorse esistenti. 
Le risorse 3D per "Away" includevano alberi, un aereo distrutto e insegne al neon. 
Le risorse fisiche minime introdotte nello studio di Los Angeles di XR Stage, dove è stato girato il film, includevano pile di foglie e alcuni alberi.

Dopo la creazione delle risorse è arrivato il blocco o la comprensione approssimativa di dove posizionare tali risorse. 
Quindi la squadra ha messo a punto il set virtuale in base ai punti di tiro effettivi. 
Ciò ha comportato l'aggiunta di mille dettagli per il realismo e il test di come tutto sembrava utilizzando l'hardware reale e le pareti a LED.

Anche qui è entrata in gioco la previsualizzazione: "il processo di entrare nella scena che hai creato e iniziare a utilizzare telecamere virtuali e personaggi sostitutivi", afferma Swiatek, "per iniziare a pianificare le impostazioni delle riprese e le posizioni della telecamera. "

RIPRESE

Come puoi immaginare, creare ambienti in un motore di gioco su un piccolo schermo è una cosa; girare in modo realistico utilizzando un volume LED è un'altra cosa. Le sfide includevano rendere realistica la prospettiva della telecamera, mostrare il movimento del viaggio del personaggio su un palcoscenico fisso e raggiungere il formato cinematografico standard a 24 fps (fotogrammi al secondo) con risorse 3D così dettagliate. 

Sfruttare il pensiero creativo e il know-how tecnico.
In primo luogo, il team ha utilizzato il tracking della telecamera dall'interno verso l'esterno per girare. "Una telecamera è collegata alla telecamera che sta guardando una costellazione di marcatori a infrarossi, che danno il suo posizionamento sul palco", afferma Jay Spriggs, integratore di sistemi XR. "E poi stiamo anche inserendo i dati di zoom e messa a fuoco in quella fotocamera in modo che l'Unreal Engine possa capire dove si trova, quali sono le caratteristiche dell'obiettivo ed essere in grado di riprodurlo".

Sebbene ciò possa sembrare tecnicamente scoraggiante, la soluzione per trasmettere il movimento del viaggio su un palcoscenico fisso non lo era sorprendentemente: l'attore camminava su un tapis roulant mentre il set virtuale percorreva un percorso attraverso la città. Il team ha abbinato le velocità delle due azioni per creare un effetto simile all'utilizzo di un carrello fotografico.

Per quanto riguarda il raggiungimento della velocità di 24 fps, lo scambio in una foto sferica per parte dell'ambiente 3D ha funzionato, consentendo ai processori LED di funzionare in modo ottimale.

Sebbene queste sfide richiedessero soluzioni creative, sono sminuite dai vantaggi di lavorare su un set XR.

VANTAGGI DEI SET XR

Cambi di scena rapidi. I tradizionali cambi di scena nel cinema possono richiedere molto tempo, ma "ci sono voluti solo pochi istanti per capovolgere la produzione dalla scena cyberpunk alla foresta", afferma Scott Kelley, regista di "Away" e cofondatore di Gro Creative.

Infinite possibilità in un unico spazio. “Tutto è in una postazione", dice Kelley, "e all'interno di quella posizione puoi cambiare i mondi in qualsiasi modo tu voglia... Le opzioni sono infinite".

Gli schermi a LED forniscono l'illuminazione. Gli schermi forniscono molti punti di leva per illuminare in modo naturale, senza bisogno di un sistema di illuminazione separato ed esteso.

E questi vantaggi si estendono ben oltre il cinema. "È davvero difficile concettualizzare la vastità e la fedeltà che offrono questi volumi a LED finché non li vedi di persona", afferma Madeline Donegan, produttore esecutivo di "Away" e cofondatore di Gro Creative. "Questa tecnologia entrerà presto nel mainstream e ha una varietà di casi d'uso in moltissimi settori". Spot pubblicitari, video musicali, notizie e talk show, teatro interattivo e intrattenimento basato sulla posizione sono solo alcune delle possibilità.

"Away" ha vinto cinque Telly Awards, in onore dell'eccellenza nel video e nella televisione, ed è stato proiettato ai festival cinematografici negli Stati Uniti e all'estero. 

Il film, tuttavia, non ha solo ottenuto riconoscimenti, ma ha aperto le porte a un nuovo mondo di possibilità visionarie. "È davvero un esempio così potente di ciò che si può fare con la produzione virtuale", afferma Swiatek.

Guarda: guarda "Away" su YouTube

https://youtu.be/7KjTsjaxXAs

il backstage: https://youtu.be/-Du6WMoTW54

Related Articles

Ultimissime di Tutte le Categorie

We strive for accuracy and fairness. If you see something not feeling right please let us know

Siamo molto sensibili ai cookie. We don't track, we don't trace, we don't advertise, and we don't try to get on your nerves. Ma il webmaster dice che per ragioni tecniche ci vuole un cookie per sessione; e l'avvocato dice che per ragioni legali dobbiamo sottolinearlo. Quindi per proseguire è meglio se clickate sul pulsante a destra >>>