Associazioni-Fiere-Educational

SKY – SVG 2024 Summit Panel 2, “Gain insights from industry leaders and enjoy a dynamic discussion”.

Panel2Al secondo panel di SVG Italy Summit 2024 di Sky Italia, Carlo De Marchis, noto come "a guy with a scarf" ha fatto gradito ritorno anche quest’anno.

Assieme a Vincenzo Lagattolla, Head of Creative Hub di Sky Italia, hanno offerto prospettive originali sull'impatto dell'IA generativa nei media sportivi e dicersi altri argomenti "collaterali". 
Moderati da Monica Peruzzi di SY Sport, i due esperti (Carlo è da oltre 35 anni anche un Evangelist con competenze nel “digital” a 360°) hanno iniziato paragonato la rivoluzione dell'IA alla stampa di Gutenberg, evidenziandone il potenziale di democratizzazione nella creazione di contenuti su vasta scala.

Carlo De Marchis, distinguibile per la sua iconica sciarpa, ha sottolineato come l'IA stia ridefinendo il panorama della produzione dei contenuti digitali e in particolare la produzione sportiva in diretta. L’invito chiaro per tutti è di fare uso degli strumenti disponibili per comprendere meglio le potenzialità e le sfide presentate da questa tecnologia. 
Il suo entusiasmo e la sua difesa degli strumenti di IA hanno evidenziato un significativo cambiamento nel settore, promuovendo l'adozione e la sperimentazione dell'IA a molti livelli per migliorare la qualità, la distribuzione dei contenuti e il coinvolgimento del pubblico.

Vincenzo Lagattolla ha supportato questa visione, concentrandosi sulle capacità trasformative dell'IA, pur sottolineando l'importanza duratura e l’unicità della creatività umana. 
programma copia 2Entrambi i relatori hanno articolato che, sebbene l'IA possa significativamente aumentare la creazione e la produzione di contenuti, non può sostituire l'elemento umano centrale nella narrazione e nel coinvolgimento emotivo nel giornalismo sportivo.

La discussione ha anche affrontato questioni etiche, evidenziando l'imperativo per i professionisti dei media di adattarsi e di rimanere all'avanguardia in un panorama digitale in evoluzione.
L'uso etico dell'IA, la trasparenza nei contenuti generati dall'IA e il mantenimento dell'integrità del giornalismo sono stati sottolineati come considerazioni vitali.

Questo avvincente talk ha dipinto un quadro di un futuro in cui l'IA serve come uno strumento potente che migliora la narrazione umana piuttosto che sostituirla, presentando una fusione armoniosa tra tecnologia e creatività nel mondo dei media sportivi. 
La sessione, tra gli altri, ha lasciato al pubblico un messaggio chiaro: il futuro del giornalismo sportivo sarà definito da coloro che sapranno combinare abilmente le capacità dell'IA con il tocco umano insostituibile.

 DeMarchisCLoseUp

De Marchis ha anche detto che “la tensione tra i creator in area digitale e i media si stempera e i nuovi formati che nascono nel mondo digitale sono assorbiti dal mondo dei media dove lo story telling fa proprio questi nuovi linguaggi: è interessante stare a vedere come cambierà ancora il panorama mediatico sotto queste queste potenti influenze”.

ClareSKYIl tema centrale, oltre all’AI, è stata la rivalutazione delle competenze, infatti, sintetizzando l’intervento in un concetto riportiamo un pensiero di Lagattolla: “anche in futuro, ancora più importante sarà l’idea, non più la tecnica. Usciranno nuove tecnologie ma la capacità di racconto - che è il nucleo del nostro business - diverrà ancora più importante”.

###

© 2024 Presspool PressOffice RobertoLandini

Related Articles

Ultimissime di Tutte le Categorie

We strive for accuracy and fairness. If you see something not feeling right please let us know

Siamo molto sensibili ai cookie. We don't track, we don't trace, we don't advertise, and we don't try to get on your nerves. Ma il webmaster dice che per ragioni tecniche ci vuole un cookie per sessione; e l'avvocato dice che per ragioni legali dobbiamo sottolinearlo. Quindi per proseguire è meglio se clickate sul pulsante a destra >>>