L’Eurolega di Basket 2020/21 in versione Covid-19

BasketEurolegaL’Eurolega di Basket, ufficialmente nota come “Turkish Airlines Euroleague Basketball” per ovvie ragioni di sponsorizzazione, si disputa dal 2000 ed è considerata la massima competizione europea per club di pallacanestro maschili.

La venue dove si svolgono gli eventi in Italia è il Mediolanum Forum di Assago, conosciuto precedentemente come “Forum di Assago”, “FilaForum” e “DatchForum” ed è la sede della Lega Italiana di basket professionale Pallacanestro Olimia Milano che tutti chiamano “AX Armani Exchange”.

Il campionato è davvero fitto di eventi sportivi dato che la prima competizione dell’edizione 2020/21 è andata in campo l’1/2 Ottobre 2020 e l’ultima si svolgerà il 9 Aprile 2021. 
Euro Media Group per il cliente Discovery e la produzione televisiva di tutte le partite ha schierato una delle sue 4 consociate italiane, Global Production (le altre sono 3Zero2, 3Zero3 Studios, Netco Sports), proprio per la grande capacità di seguire con grandi mezzi e specializzazione i maggiori eventi sportivi.


basketEurolega2Massimiliano Anchise, Sales Manager di Euro Media Group in Italia dice: 
“Affidiamo le riprese a tre mezzi mobili che, a turno, sono ingaggiati con Eurolega, precisamente i nostri OB-Truck più grandi, OB6, OB8 e OB9. 
La tipica configurazione o “camera plan” prevede 11 telecamere, di cui sette sono presidiate da cameramen, con nove camere di sistema e due microcamere fisse posizionate sopra ai canestri per coglierne i particolari con angolazioni speciali.
Due delle nove telecamere presidiate, tutte GrassValleyGroup modello LDX 86, montano ottiche lunghe, precisamente la cam2 e la cam11.
La telecamera 9 prevede un’ottica duplicata -come da richiesta del committente, Discovery, mentre le telecamere 3, 4 e 6 montano un obiettivo grandangolare. 
Le telecamere 3 e 11 sono in configurazione Super Slow Motion a 6X.
Una di queste telecamere viene installata su un Hi-lo e posizionata a bordo campo sul lato destro.
La telecamera compie le riprese da un cavalletto pesante, mentre le altre sono fissate su tripodi leggeri. 
Una di queste viene impiegata anche in configurazione ENG a spalla per le riprese di tutte le attività pre-gara: si occupa dell’arrivo delle squadre, delle interviste in campo durante l’intervallo e nel post-gara in area spogliatoi.
Anche la conferenza tra la stampa e l’allenatore fa parte del setup ma viene registrata separatamente. 
L’audio nella Eurolega di basket è trattato con grande dignità e catturato in stereo da molti punti di ripresa: ogni telecamera ha il proprio microfono, più due altri microfoni posizionati sui canestri. 

BasketCanestroCamere1Poi è prevista una postazione a bordo campo per cogliere i commenti dei due telecronisti di Discovery e una ulteriore postazione completa in pitch -sempre a bordo campo- è dedicata ai reporter che si prendono cura del world feed.
Non manca anche un’altra postazione dotata di radio cuffia per il floor manager e un radio boom affidato a uno dei microfonisti che gli consente di riprendere l’audio dalle panchine durante i timeout”.

Produzione e tecnologia 

A bordo del mezzo la produzione ha voluto tre macchine EVS dotate di 4 pannelli seguite da tre operatori che si occupano dei replay: 12 ingressi e 4 uscite registrano i segnali di otto telecamere separate (Cam 1, Cam 2, Cam 3, Cam 4, Cam 7, Cam 8, Cam 10, Cam 11).
Tutti i trasporti tra i punti di ripresa fino al mezzo mobile regia parcheggiato appena fuori dal palazzetto sono realizzati in fibra ottica e stage box, date le distanze piuttosto ampie.
La grafica viene realizzata a bordo della regia dalla consociata Netco Sports mediante apparati Instant replay forniti dalla produzione di Discovery e in arrivo a inizio stagione direttamente dall’Inghilterra.
Tutta la registrazione del program viene realizzata su una macchina XD Cam ed esportata su 5 chiavette USB consegnate a fine partita alla produzione.
Global Production fornisce tutta la crew tecnica, costituita dal floor manager, regista, un capotecnico, un fonico, due controlli camere, tre tecnici EVS, nove operatori di ripresa, due microfonisti, un capo macchinista e due autisti con funzioni anche di assistenti alle telecamere sotto canestro.
Per le partite, oltre all’OBVan main regia, Global Production fornisce anche un camion bi-gruppo elettrogeno che alimenta la regia e il mezzo DSNG di EiTowers che si occupa del trasporto segnali via satellite.

A proposito di Covid 

cameraplanEBMassimiliano Anchise riprende: “Le partite della Eurocup al Forum di solito si giocavano di giovedì mentre nell’”edizione pandemia” 2020/21 abbiamo dovuto seguire molti incontri di mercoledì e di venerdì con cancellazioni e addensamenti di partite fuori dal comune.

Sempre a proposito di Covid, le misure di prevenzione volute da Global Production prevedono di sottoporre tutta la crew a un tampone molecolare rapido il giorno prima del match day, anche se Discovery e l’Armani richiedono “solo” tale procedura per i tecnici che hanno accesso al campo del forum.

Ovviamente stiamo rispettando tutti i DPI richiesti dalle procedure anti pandemia, abbiamo ingaggiato i nostri veicoli più grandi per distanziare meglio gli operatori e installato pannelli divisori di plexiglass; inoltre nessun “ospite”, nemmeno illustre” è ammesso a bordo del veicolo”. 


Global4

Il covid per Discovery
Giovanni Amato Senior Director Broadcast Operation Sud Europa di Discovery dice: “L’Eurolega di Basket va in onda sui canali lineari di Eurosport e sulle due piattaforme OTT Eurosport Player e Discovery Plus. 

L’Armani è in ottima posizione di classifica e questo non succedeva da anni quindi ci si può aspettare addirittura una vittoria.

La pandemia da covid-19 ha complicato moltissimo la produzione, abbiamo dovuto rivedere completamente tutti gli spazi, a partire dai mezzi mobili, dove abbiamo dovuto scegliere i più grandi e limitare al massimo il numero di tecnici a bordo. 
Abbiamo anche dovuto isolarli rispetto al personale sul campo e ugualmente limitare al massimo gli spostamenti in campo, quindi influenzando pesantemente tutte le tipiche attività giornalistiche e le relazioni tra intervistato e intervistatore, allenatore e atleta.

Oltre ai tamponi, effettuati tutti i giorni di campionato, le temperature verificate a tappeto all’ingresso, abbiamo dovuto modificare anche alcuni aspetti di “linguaggio televisivo”.

BsketEurolega1Il racconto è differente soprattutto nelle interviste, infatti le immagini della telecamera prima riuscivano a realizzare un doppio mezzobusto che inquadrava giornalista e atleta contemporaneamente; ora il giornalista deve stare a una certa distanza nel porre le domande e, in pratica, la telecamera lo riprende solo nella prima domanda per poi spostarsi sull’atleta e rimanervi.
Il giornalista non viene più ripreso e le successive domande rimangono fuori inquadratura con un effetto curioso di voce fuori campo”.

###

Scarica il case study im formato pdf

©03/2021 RobertoLandini presspool pressoffice