Acquisizione-Contribuzione

MediaPower ARKKI Ingest, la nuova piattaforma multicanale dall’SD all’8K.

ArkkiIngestCapture1Registratore digitale multi canale, multi codec e streamer. 

ARKKI Suite è la risposta di MediaPower alle richieste di tutti i settori che devono ricevere, produrre e ridistribuire contenuti digitali.

Una suite completa e modulare, dal costo contenuto, è in grado di prendersi cura di tutti i segmenti utili nella gestione degli asset digitali per mercati trasversali, dall’ingest al playout, e tutti i passaggi intermedi.

La suite è composta da vari moduli indipendenti: Arkki Ingest, Arkki Transcoder, Arkki EVO, Arkki Play & Stream, Arkki Touch.

 

Arrki Ingest

Arkki Ingest, in particolare, è il modulo che si prende cura della cattura sincronizzata di sorgenti digitali su ingressi di diversa natura,: Decklink, Aja, DirectShow Device, Ndi, Iso, WebRtc, SRT, rtm/sp, HLS, Web, File-based.

In uscita è in grado di gestire segnali NDI, SDI, Webrtc, rtsp/mp, Srt, Srt/DVB-SMPTE 2110/2022-6/7.

É un sistema “multi ingest” ossia è in grado di ricevere molti segnali che sono facilmente gestibili attraverso un’amichevole interfaccia web browser in HTML.
L’interfaccia utente è molto semplice e utilizzabile anche da remoto, e consente molti interventi e personalizzazioni, come variare il bitrate, modificare i codec, fermare l’ingest, mettere in pausa, etc.. Per i settaggi avanzati è disponibile una apposita applicazione installata su PC.

Il grande vantaggio è nel poter disporre di un sistema “multi istanze” su un’unica workstation che, a seconda dei segnali che è necessario a processare, può essere una virtual machine, una macchina fisica, o in cloud, che permette anche di effettuare conversioni di formato “al volo”.

Ciò consente di risparmiare l’acquisto di convertitori esterni che possono introdurre ulteriore latenza, costi, e problematiche.

 

I segnali multi camera

Il sistema permette di sincronizzare segnali multicamera, una funzionalità molto importante nello sport dove, ad esempio, 4 telecamere con 4 inquadrature diverse sono perfettamente sincronizzabili, come nella remote production.

Un’altra funzione molto importante, soprattutto nello sport, è il time delay o “Shift Capture” che consente di registrare un feed a piacere e mandarlo in onda dopo un certo lasso di tempo predeterminato.

Molta cura è stata posta nella realizzazione dell’interfaccia utente che risulta decisamente semplificata e che permette di entrare, mediante una modalità “esperto”, nei settaggi dei codec. 

Oltre allo Shift Capture, è possibile inserire grafica, un logo e sequenze animate, decidere la dimensione massima del file in cattura, i tempi di start e stop, impostare la funzione “incremental”, prelevare i sottotitoli, modificare l’aspect-ratio, intervenire sull’audio mediante il loudness control, piuttosto che modificare la mappatura dei canali.

Una volta encodato il segnale live è possibile anche re-inviare subito in streaming i contenuti acquisiti: basta definire alcuni punti di streaming di quanto catturato, sia in tempo reale, sia in time shifting.

Non mancano funzioni di preview, gestione dei time code, dei formati, e dei metadata.

A seconda dell’hardware disponibile è possibile catturare segnali dall’SD all’8K, compresi tutti i formati AV più gettonati (MXF, etc etc). 

Oltre ai formati in ingresso, possiamo decidere quelli in streaming, compreso l’ESRT che al momento è molto utilizzato soprattutto per la bassa latenza e la sicurezza.

I video codec gestiti sono tutti quelli diffusi, compreso HEVC, 4K, JPEG-2000.

Arkki Ingest permette anche di realizzare uno slow motion semplificato.

 

ArkkiSuiteIl target group

Il mercato interessato è davvero ampio, a partire dalle società che devono registrare incontri sportivi, che ricevono gli eventi completi in streaming. 

Una volta inseriti in archivio mediante Arkki Ingest, li possono mandare in onda in differita o anche in playout immediato, persino codificandoli in un formato diverso.

Un altro esempio tipico di utilizzo è la società sportiva che registra direttamente dai campi i segnali in ISO delle varie telecamere impegnate nelle partite. 

Sui campi, un sistema portatile e leggero permette di registrare tutti i formati necessari e non ha bisogno d'altro nella cattura di segnali in streaming IP. 

É sufficiente anche una piattaforma in cloud, così da eliminare del tutto la presenza di hardware “on venue”. 

Nel caso le telecamere presenti nello stadio lavorino in SDI è necessario un server multicanale, seppure in configurazione minima, che di solito gestisce con agilità 4 canali HD, o anche più, dove necessario.

 

Una soluzione globale

Evidentemente, l’impiego di Arkki Ingest non è certo confinato al broadcast e alla produzione media. 

Coinvolge, infatti, tutti i settori in cui lo sviluppo esponenziale dei contenuti digitali ne ha reso indispensabile e profittevole il riuso e la ridistribuzione su più destinazioni (medicale, training, educational, corporate, moda, convention, etc, etc).

Una volta ricevuti, questi contenuti multi camera possono essere registrati e inseriti nel sistema. 

Poi i codec a bordo permettono le conversioni dove servono e gli stessi asset possono essere inviati in tempo reale in streaming verso l’utente finale, ovunque.

Le applicazioni d’uso possono essere davvero tante, proprio perché la gestione è volutamente semplificata e affidabile a personale non tecnico.

Arkki Ingest, in qualità di suite modulare multi funzione, prevede continue migliorie, infatti tra i prossimi ampliamenti di funzionalità, che saranno disponibili nei prossimi mesi, è previsto il lancio dello “Scheduler”, attualmente in fase di sviluppo avanzata. 

Consentirà di acquisire stream multi canali dall’esterno e programmarne una successiva ridistribuzione in base a un calendario multi utente personalizzabile.

###

INFO: www.media-power.it

© robertolandini presspool-mediapower

Related Articles

Ultimissime di Tutte le Categorie

We strive for accuracy and fairness. If you see something not feeling right please let us know

Siamo molto sensibili ai cookie. We don't track, we don't trace, we don't advertise, and we don't try to get on your nerves. Ma il webmaster dice che per ragioni tecniche ci vuole un cookie per sessione; e l'avvocato dice che per ragioni legali dobbiamo sottolinearlo. Quindi per proseguire è meglio se clickate sul pulsante a destra >>>