 PressPool ufficio stampa digitale

A colloquio col Project Manager RAI, Giuseppe Mura: personalizzare con personalità

Gli Europei di Calcio 2016 [in uscita su Millecanali, tutti i diritti riservati]La Rai si occupa della personalizzazione delle tre partite della nazionale agli Europei di Calcio 2016 ed eventualmente anche delle altre quattro partite se (speriamo) si arriva in finale.

Nel momento in cui scriviamo (attorno alla fine di maggio) alcune notizie che riguardano il set up completo messo in campo dalla Rai sono ancora in evoluzione, mentre quello che riportiamo di seguito è materia certa.
La Rai è coinvolta agli Europei di calcio 2016 in modo davvero completo in Francia. Altre piccole decisioni ancora sono in fase di definizione.


Il personale è coinvolto per Rai Sport e produzione su diverse location, come l'IBC di Parigi, a Montpelier per la sede ufficiale di Casa Azzurri, sul campo degli allenamenti della Nazionale.
La Rai produce anche un segnale in 4K -in qualità di esperienza abbastanza nuova- a Ramboulliet nella sede di Eutelsat; infatti, tramite un pullman regia, viene irradiata una telecronaca in 4K via satellite.
Qui saranno coinvolte 12 telecamere e quindi si è reso necessario un commento diverso da quello del segnale in HD, con un regista e un telecronista dedicati al 4k.
Non viene trasmessa la semplice partita così come la consegna UEFA, host broadcaster, ma viene confezionato un prodotto televisivo "più appetibile", utilizzando il programma in HD in onda sul canale Rai 501HD, come un pre-partita e trasformandolo in un segnale 4K.
In dettaglio, la UEFA crea un segnale video multilaterale in 4K che arriva dall'IBC di Parigi e la Rai, tramite due circuiti di trasporto da 300 Mhz, confeziona una personalizzazione per Rai Sport che viene instradata a Ramboulliet via fibra fino al centro Tv dell'Eutelsat.
Qui un apposito camion regia riceve il segnale della personalizzazione per Rai Sport, lo converte in 4K per agganciarlo al segnale 4K vero e proprio della partita.
Questo avviene relativamente alle ultime 7 partite, sul totale delle 27 acquistate dalla Rai nel bouquet completo che ne contempla 51 in totale.

Roma 4 e Roma 7
Negli stadi sono personalizzate tutte le partite della Nazionale: sicuramente un minimo di tre che al massimo possono diventare 7 se si arriva in finale.
Le riprese sono effettuare dall'unità mobile Rai Roma 4 dotata di 9 telecamere solo per la personalizzazione. Il layout prevede due nel "presentation studio" (quello in alto con la vetrata che lascia intravvedere i giocatori in campo), due nell'indoor studio, al coperto e vicino agli spogliatoi, dove vengono girate le interviste al termine della partita con uno o due ospiti che si accomodano.
Una camera è piazzata a bordo campo e gira interviste durante i pre-partita, e durante l'intervallo e a volte realizza piccoli collegamenti in coda; poi due telecamere sono poste in basso dietro alle porte dotate di due ottiche spinte da 70mm. Una telecamera cosiddetta "VIP" si occupa della "Vip Zone", una a fianco dei mezzi mobili, all'interno del tv compound, realizza uno stand-up dedicato a un possibile back-up.
La personalizzazione viene effettuata il "match day meno 1" e il "match day", ossia il giorno prima della partita e il giorno della partita.
Una telecamera è posizionata in "mix zone" e riprende solo coi giocatori in campo. Una ulteriore telecamera, denominata "super flash", opera dopo il fischio finale dell'arbitro ed è posta sul bordo campo per "acchiappare al volo" un allenatore ed "estorcergli" una velocissima intervista di pochi secondi. Queste telecamere non riprendono, ovviamente, il giorno prima della partita.
Quelle che lavorano il giorno prima sono solo quella al presentation studio, e quella a bordo campo.
Però il giorno prima del match si allenano le due nazionali che si incontreranno in partita e qui non sono possibili riprese del campo e dei giocatori.
In questo caso, se sono necessari collegamenti, vengono utilizzate le immagini della camera posta nel tv compound che è l'unica che può essere utilizzata ufficialmente.

La logistica e i trasporti
Giuseppe Mura, Project Manager RAI, ci dice: "Questo panorama in Francia è piuttosto complesso, infatti fino al 22 giugno è impossibile prevedere se la Nazionale giocherà tre partite, se viene eliminata oppure ne gioca sette perché arriva in finale. Questo mi ha obbligato ad adottare delle soluzioni elastiche "al volo" a seconda dei percorsi di qualificazione. Per esempio, la quarta partita successiva a una eventuale vittoria della Nazionale può essere giocata in quattro stadi diversi, costringendo la nostra produzione Rai a seguire dei percorsi ora imprevedibili. Dalla sera della fine della partita alla mattina dobbiamo reagire tempestivamente. Spesso la partita successiva è giocata dopo soli tre giorni, quindi spostare il personale e i mezzi mobili diviene assai problematico.
In questa direzione il mezzo mobile Roma 4 ingaggiato per le prime tre partite non potrebbe fisicamente mai coprire le distanze da stadio a stadio, di anche 900 km di distanza. Questo costringe la produzione RAI ad avere pronto un altro mezzo mobile, in stand by a Montpelier, l'ob-van Roma7.
La scelta della località è strategica in quanto la cittadina è vicina a due dei degli stadi potenziali sedi delle finali.
Il personale sarebbe quello della unità Roma 4 che viene trasferito in aereo, mentre i mezzi mobili coprono una distanza massima di circa 300 km (vista la mezza giornata di setup necessaria) e oltre queste distanze incontrano difficoltà."

Le tre location
Tutto questo "circo mediatico" che ruota attorno agli Europei di Calcio coinvolge una sessantina di persone Rai, comprese le forze schierate per Casa Azzurri e sul campo allenamento.
Qui esistono degli spazi di lavoro, un mini studio televisivo aperto con due telecamere, e possibilità di impiegare 4 telecamere, di cui una esterna e forse una nella hall, ma sicuramente una che copre le conferenze stampa, vero "core" di Casa Azzurri nella sala conferenze. La regia è allestita in una stazione satellitare con mixer video e audio basate su materiale del tutto Rai.
Sul campo allenamenti un'altra piccola stazione satellitare monocamera a bordo si occupa di riprendere gli allenamenti della Nazionale girando immagini solo per una quindicina di minuti (il massimo consentito).
Dopo, la telecamera si muove in un parcheggio adiacente e può comunque continuare a dare informazioni a prescindere dagli allenamenti.
All'IBC di Parigi i segnali vengono smistati e per ogni partita che UEFA produce vengono generati in media 18 segnali "ISO".
A volte ci sono due partite in contemporanea e quindi al MCR (Master Control Room Rai) arrivano 36 segnali diversi, ad esempio, 4 telecamere che inquadrano i 4 allenatori, 4 telecamere che inquadrano i leader delle 4 squadre, conferenze stampa, prepartita, spogliatoi, quelle ai 16 metri, dietroporta alte, etc. Di tutti questi segnali, mediante selezione all'MCR, ne vengono spediti in Italia 9, sufficienti a gestire tutte le trasmissioni sportive. Sempre all'IBC è posizionata una singola telecamera che produce immagini di contorno alle possibili informazioni necessarie, utile anche in caso di emergenza.

Didascalia
Con base a Parigi, la Rai Dispone anche di tre troupe dotate di zainetto UMTS itineranti sul territorio francese che faranno riprese di "colore", i campi allenamento di altre squadre, le conferenze stampa, interviste ad allenatori.
Si occupano di riprese per gli europei ma non della nazionale.

 

PressPool

PressPool Abroad

PressPool Abroad

OUR MAIN COURSES (FOR INTERNATIONAL CUSTOMERS): PressPool Press office "main courses" (for international customers) are: * Creating press releases and case studies on target * Create and populate international websites * Web videos, pure...

PressPool Abroad

PressPool Abroad

OUR MAIN COURSES (FOR INTERNATIONAL CUSTOMERS): PressPool Press office "main courses" (for international customers) are: * Creating press releases and case studies on target * Create and populate international websites * Web videos, pure...

  PressPool p.iva 03912510967